Area riservata

L’importanza della Vita e il valore della donazione. L’AIDO promuove la sensibilizzazione degli studenti della nostra scuola

Tu sei qui

Home

E’ con entusiasmo che la nostra scuola accoglie quest’anno l’iniziativa promossa dall’AIDO, con l’intento di portare tutti gli alunni a cogliere la bellezza di una vita che rinasce.

L’Associazione Nazionale Donatori Organi, guidata nella sua sede cittadina dalla sua presidente, la sig.ra Mari Malorgio, nell’assoluta consapevolezza che l’informazione sulla donazione degli organi e la cultura della donazione, per la loro grande valenza etica e più ampiamente umana,  rientrino a pieno titolo tra gli obiettivi di formazione della persona e delle connesse responsabilità etico-civili che la scuola persegue, ha infatti promosso una giornata di informazione all’interno della nostra scuola al fine di diffondere la cultura della donazione.

Nella mattinata di mercoledì 15 dicembre i nostri alunni, le loro famiglie, i docenti e tutto il personale della nostra scuola potranno “avvicinarsi” alla cultura della donazione, mediante la distribuzione di opuscoli e la consegna di gadget per una raccolta di contributo a sostegno delle iniziative dell’associazione AIDO.

Non solo. Gli studenti frequentanti delle classi terze della scuola secondaria di 1° grado saranno, nei giorni successivi, i destinatari di uno stimolante incontro informativo e formativo con volontari e medici dell’AIDO che proporranno loro un interessante percorso di sensibilizzazione.

Tutto ciò per motivare i giovani ad adottare stili di vita corretti e ad evitare comportamenti devianti quali fumo, abuso di alcool, stupefacenti; “devianze” queste, è bene rammentarlo sempre ai nostri piccoli alunni, che possono comportare l’insorgere di patologie che richiedano come terapia il trapianto d’organo.

E’ infine essenziale far comprendere alle nuove generazioni l’importanza della donazione di sangue, della donazione di midollo osseo, di quella del cordone ombelicale, ricchi di cellule staminali, che rappresentano l’unica strada per combattere le neoplasie del sangue quali leucemie e talassemie, ed altre malattie che colpiscono le fasce più deboli, bambini e ragazzi nella loro crescita.